G.S. Borgo a Mozzano

Coppa Toscana: Borgo a Mozzano vs Morianese 3-0

COPPA TOSCANA
Borgo a Mozzano – Morianese 3-0 (4-2 dopo i calci di rigore)

G.S. Borgo a Mozzano

IMPRESA; E UNA.
Stiamo parlando del primo turno di Coppa Toscana Terza Categoria, quindi nello scrivere queste memorie, dovrò vedere di non farmi prendere da facili entusiasmi.
Ma non sarà semplice, perché il modo in cui è maturato questo successo, si porta dietro una miriade di significati; intanto, prima partita casalinga del GS Borgo a Mozzano, quindi fondamentale era ben figurare di fronte al nostro pubblico e mostrare una reazione allo stop di sabato scorso.

Il secco 0-3 dell’andata che aveva messo un’ipoteca tutta morianese sul passaggio del turno, poteva anche aver minato qualche certezza.
La voglia di rialzarci è stata invece più forte di tutto, anche di qualche affrettata sentenza da bar di paese; che fa parte del gioco, si sa, ma insomma c’era in tutti la volontà di mostrare a noi stessi, a chi ci segue e anche ai detrattori (sempre ci siano), che questa squadra non è tornata in FIGC per comparsa, ma per il piacere di giocarsi ogni partita alla pari con tutti, al di là del risultato.
E con quell’impegno imposto dagli storici colori biancocelesti, tornati ad essere orgogliosamente indossati.
Troppa retorica? Quella che serve!

Insomma, per farla breve, sovvertendo ogni pronostico, il Borgo ha ribaltato il risultato di una settimana fa, rifilato tre gol alla Morianese per poi eliminarla ai rigori.
Dagli spalti gremiti del nuovo impianto di Valdottavo, si è assistito a una partita a senso unico, col Borgo che dal primo minuto ha messo una determinazione che ha frastornato gli avversari, forse sorpresi da una tale voglia di riscossa.
Una preparazione perfetta alla gara, un’approccio aggressivo e una gestione senza la minima sbavatura, hanno portato questo risultato, che per significato, va ben oltre al passaggio del turno, perché mette un punto esclamativo sulle modalità e le intenzioni con cui questo gruppo ha deciso di riaffacciarsi in FIGC.

LA CRONACA
Per la verità, il primo squillo della gara l’hanno dato gli ospiti dopo un minuto, con una punizione dal limite che ha chiamato Piero a allungarsi e neutralizzare in due tempi.
Da qui è iniziato un monologo biancoceleste; già al 4′ Michele è stato steso a due passi dal portiere un attimo prima di calciare a rete, rigore sacrosanto che Lorenzo ha trasformato con freddezza.
La consapevolezza di potercela fare, mai mancata, è salita alle stelle.
Infatti già poco dopo, Neccio ha stoppato in area un lancio da sinistra, girato prontamente di sinistro alzando però troppo la mira.

E ancora prima della mezz’ora, Lorenzo ha aggirato bene la barriera su punizione, ma trovato il portiere pronto a deviare alla sua destra.

Non è stato che il preludio al raddoppio; Matteo prontissimo a sfruttare un rimpallo favorevole che lo ha involato verso la porta, un’occhiata al portiere in uscita e poi un piatto chirurgico a trafiggerlo per il 2-0 che forse ha spostato gli equilibri.
Ripresa che parte col botto; appena dieci minuti e una punizione da sinistra calciata forte, trova uno stacco imperioso di Federico che di testa infila il sette per il 3-0 che acciuffa la Morianese. Unica accosaione per gli ospiti a 5 dal 90′ quando da buona posizione l’attaccante ha calciato al lato, ma sarebbe stata davvero una beffa per il Borgo.
Nel finale prima Michele da buona posizione, poi Stefano (Bomber? DS? Forse entrambi) su punizione, hanno sfiorato il gol che avrebbe messo fine al doppio confronto prima dei tiri dal dischetto.

Epilogo invece ai rigori; implacabili i biancocelesti, Paolino, il Boccia, Mirko, Stefano non hanno sbagliato, il resto ci ha pensato Piero ipnotizzando due tiratori avversari; il passaggio del turno è cosa fatta!

Complimenti a tutti, avanti così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Se stessi con un vestito bianco a un matrimonio e arrivasse un pallone infangato, lo stopperei di petto senza pensarci. Diego Armando Maradona

Io non gioco contro una squadra in particolare. Io gioco per battermi contro l’idea di perdere.Eric Cantona

La palla è rotonda, la partita dura 90 minuti e tutto il resto è solo teoria.Sepp Herberger

Sbaglia i rigori solo chi ha il coraggio di tirarli.Roberto Baggio

Rigore è quando arbitro fischia...Vujadin Boskov